Yufhufhù! 
Invenzioni & Brevetti

Invenzioni e Modelli d'Ut. di Paolo Pegoraro, brevettati dal 1972  
Invenzioni e Brevetti di Paolo Pegoraro
 

 

 

..buongiorno, 

io sono l'inventore Paolo Pegoraro (breve biografia). Ho creato questo sito per pubblicare le invenzioni e i modelli d'utilità che ho brevettato a partire dal 1972.  

 

   Torna su

 

Le ultime 3 invenzioni collegate tra di loro

 

 

NOTA IMPORTANTE: non giudicate l'invenzione dall'aspetto del prototipo. 
 
Il prototipo sperimentale, dell'invenzione Yufhufhù!, è stato costruito in economia usando sottovasi da fiori, fili elettrici di bicicletta, molle e tasti fatti a mano etc., perciò, le dimensioni e la forma del prototipo sono completamente differenti dai meccanismi commerciali, i quali dovranno assomigliare, ipoteticamente, agli strumenti esposti a pagina: 
Le migliori applicazioni di Yufhufhu 

 

 

L'invenzione funziona a meraviglia, eccome se funziona! yuu.fhu.fhuuuuuuuuuuuuuu!!!

 

 

  1a/3 Yufhufhù! Contattiera combinatoria 

Tutti i video

Yufhufhu! è l'invenzione creata per facilitare la digitazione su tastiere, e su altri apparecchi, a sordi, ciechi, bambini e musicisti, consentendo loro di emettere numerosi segnali con pochi tasti, in modo che possano tenere ogni dito sempre sullo stesso tasto. 

 

  Condividi su Facebook  Condividi su Twitter  Condividi su LinkedIn    

 

  2a/3 Schema dattilofonico verbale  

 

Lo Schema dattilofonico verbale è l'ordine in cui sono disposti i fonemi verbali sui tasti e sulle loro combinazioni, usati per "parlare" con le tastiere e gli apparecchi futuristici Yufhufhu! 

 

 

 

 

 

3a/3 Schema dattilofonico musicale

Tutti i video

Lo Schema dattilofonico musicale è l'ordine in cui sono disposte le note musicali sui tasti e sulle loro combinazioni, usati per suonare musica con le tastiere futuristiche  Yufhufhu! 

 


Le migliori applicazioni di Yufhufhu

L'introduzione di Yufhufhu! continua in fine pagina
 

     Torna su

 

Yufhufhu! alla ribalta

 

 

2015  25° INVENTOR SHOW ®, , Fiera di Padova

INVENTOR SHOW

Fiera di Padova, 23 maggio 2015  

 Yufhufhu! ha vinto il 1° premio nel 25° INVENTOR SHOW ®, 
festival nazionale di invenzioni e progetti innovativi.

Video, foto ed eventi di Yufhufhu! nella pagina "Premiazioni"

 

2019 Yufhufhu! in TiVù su Striscia la Notizia

il 5 giugno 2019 l'artista Capitan Ventosa ha presentato l'ultima invenzione dell'inventore Paolo Pegoraro di San Vito di Altivole, Treviso.

 

NOTA SU STRISCIA: in 3 minuti di tempo non è stato possibile far vedere tutto
 
Lo staff di Striscia aveva filmato tante cose comprese le tre applicazioni di Yufhufhu, ma per il ridotto tempo di trasmissione dei Servizi di Striscia, imposti dalla Direzione, lo staff ha dovuto scegliere cosa mandare in onda. 
Potete guardare i video delle 3 App nelle specifiche pagine: 
  Contattiera combinatoria 
  Schema dattilofonico verbale 
  Schema dattilofonivo musicale

 

   Torna su

 

Altri storici premi

 

  Ginevra (CH) 1985, 3° posto con "Trazione anteriore per motocicletta".

  Ginevra (CH) 5 aprile 1990, 1° posto con "Sci anfibi per camminare sull'acqua - Sci acquatici a propulsione umana".

  Bruxelles (B) 13>18 nov 1990 (*), 1° posto con "Sci anfibi per camminare sull'acqua - Sci acquatici a propulsione umana".

Video, foto ed eventi di Yufhufhu! nella pagina "Premiazioni"

 

    Torna su

 

Cronistoria brevettuale dal 1968 

 

 

1968-69 Motore ... 


Nell'anno scolastico 1968-69 progettai diverse cose tra cui: la "bilancia gravitazionale", costruita nell'officina scolastica con il mio gruppo come compito di classe;  il "motore a idrogeno ottenuto per elettrolisi" scoprendo, diversi anni dopo, che era già stato inventato; un 2° "Motore ..." mai sperimentato per mancanza di soldi etc.
 

 

 

1969-70 Anno scolastico  


Francesco Marchesn, il mio prof. di disegno tecnico in 3a ITIS di Castelfranco Veneto, Treviso, un giorno, osservando dalle mie spalle un meccanismo che stavo disegnando, come facevo spesso dopo aver finito il compito, mi chiese spiegazioni concludendo il nostro dialogo con la frase: 

".. è una bella idea, potresti brevettarla".
 
Non ricordo qual'era l'idea, ma le sue parole non me le sono più dimenticate. 
 

 

 

1972 Produzione dei primi brevetti

Il consiglio del prof. m'incuriosì così tanto da indurmi a cerca informazioni sui brevetti.  
Impiegai 2 anni per gestire il problema, un ritardo  di tempo causato principalmente dagli elevati costi delle domande di brevetto, proposti dagli Uffici Tecnici, che per risparmiare soldi ho dovuto imparare a compilarle e a presentarle personalmente. A farmi perdere tempo c'era anche la distanza di 35 km. da casa mia, dell'Ufficio Brevetti e Marchi (UIBM) di Treviso, dove andavo per farmi insegnare, controllare e correggere i documenti, ma alla fine ci riuscii. 
Così facendo risparmiai molto denaro e usufruendo anche di aiuti economici datimi da mio padre, riuscii ad inserirmi ufficialmente nel mondo degli Inventori registrando, a 20'anni d'età (1972), il mio 1° Brevetto. 
 

 

 

1972

Porta mine multiplo

ZOOM

Il Porta mine multiplo per il disegno tecnico, è nato con lo scopo di poter disporre di mine di durezze diverse in un'unica penna. 
Questa innovazione tecnica non fu mai prodotta industrialmente.

 

 

1972

Mestolo con colino incorporato 

ZOOM

Due attrezzi in uno. Versando un alimento acquoso con il mestolo piegato da un lato il contenuto viene filtrato, mentre piegato dall'altro lato il contenuto rimane integro. 

Il Mestolo fu in seguito prodotto da una Ditta senza coinvolgermi. Questo fatto segnò l'inizio della mia dura avventura creativa da Povero Inventore.
 

 

 

1973

Bipresa 

ZOOM

 

Modello di utilità oggi presente in tutte le case. 

 


Subito dopo aver ottenuto il Brevetto, io proposi la Bipresa a diverse Ditte produttrici di prese elettriche. Mi risposero soltanto alcune ditte specificando, tutte, di non essere interessate al prodotto. 

In seguito a queste scarse e deludenti risposte, mi rassegnai rinunciando a contattare altre Ditte.
 

 

 

1973

Curvilineo progressivo

ZOOM

Ottimo curvilineo, o più propriamente 'Ellissografo', adatto a fare qualsiasi curva semplicemente schiacciandolo in modo progressivo quanto serve. 
Questo prodotto non fu mai realizzato industrialmente. 

 

 

1973

Tratto rapido

ZOOM

Pennino per 'Rapidograf', ideato per tracciare tratteggi uniformi di vario genere (punti, linee, punti e linee ecc). 
Idea mai realizzata industrialmente. 

 

 

1972-1973 I 3 Strumenti di disegno tecnico

A scuola io ero noto per la velocità con cui completavo i disegni tecnici, ma per colpa della fretta, le linee di disegno non erano perfette. 
I disegni di questo sito dimostrano le imperfezioni. 
Per disegnare con maggiore velocità ma senza commettere errori, progettai e brevettai 3 strumenti da disegno che, però, non sono mai stati prodotti. 
 

 

 

1973

Trazione anteriore per motocicletta (1° Brev.)

ZOOM

Leggi gli articoli

Brevetto per Invenzione Industriale. 
Meccanica totalmente ad ingranaggi. 

 

 

 

1973 Trazione anteriore, Brevetto per Invenzione Industriale 

La "Trazione anteriore per motociclette" è un meccanismo che funziona totalmente tramite ingranaggi nonostante sia applicato alla ruota sterzante dei veicolo a 2 o 3 ruote. Un'invenzione così concepita non è mai stata prodotta, ma dopo la promozione del 1985, fatta in Fiera a Ginevra,  fu realizzata da alcune Ditte le quali, probabilmente per non interferire con la mia invenzione, apportarono delle modifiche come, per esempio, la trazione a catena, fatta dell'americana Roccon,  e la trazione idraulica, applicata alla "Nuda 1000" dalla Suzuki.

Con la "Trazione anteriore" immaginavo un futuro incremento economico che mi permettesse di accedere in laboratori di ogni tipo e accelerare la produttività creativa. In seguito, però, mi accorsi che la realtà del mondo brevettuale era completamente differente dall'irreale mondo dei sogni.
Tuttora io mi chiedo: "Non bastava che fossi un povero inventore, serviva proprio che le Aziende insistessero a mantenermi povero sfruttando loro, furbescamente, 6 dei miei 12 idee, senza darmi alcuna soddisfazione?". 
Ed ho pure la sensazione che i "Ladri di brevetti" mi ruberanno anche gli sci acquatici e la tastiera combinatoria

Dopo tutto ciò una cosa positiva l'ho ottenuta, è quella di essere entrato nella lista nera degli Inventori truffati dagli insaziabili affamati ricchi, come hanno fatto con
Antonio Meucci, Nikola Tesla, Antonio Pacinotti, Fulvio Marotto e molti altri, che prossimamente elencherò in una specifica pagina.
 

   Torna su

 

1973-1976 Periodo di pausa riflessiva  

 

 

1973 Pensieri negativi sul mondo dei brevetti


Avendo scoperto, leggendo, i possibili raggiri brevettuali, che spesso subiscono i poveri inventori, e avendo subito io stesso la 1a truffa del "Mestolo con colino incorporato", mi riposai un po' per pensare cosa fare. 
 

    Torna su

 

 

1976 Breve ripresa dell'attività 

 

 

1976 Ripresa brevettuale con il Salva spifferi 


Nel '76 riprovai a mettermi in gioco brevettando il "Salva spifferi", un meccanismo tecnicamente semplicissimo che dà un servizio molto utile. Tutte le Ditte interpellate si dimostrarono disinteressate al prodotto, ma qualche anno dopo vidi il "Salva spifferi" applicato ad una porta.

 

 

 

1976

Salva spifferi

ZOOM

E' un meccanismo dotato di un gommino che tappa la fessura tra la porta e il pavimento quando si chiude la porta. 
Il meccanismo fu prodotta da Ditte senza coinvolgermi. 
Questo è il 3° brevetto perso.

   Torna su

 

 

1977-1985  2a Pausa riflessiva

 

 

04-10-1977 Scadenza del Brevetto della Bipresa 


Una Ditta, leader nel settore elettrico, che 3 anni prima mi rispose di non essere interessata alla mia Bipresa, la produsse e la mise in commercio subito dopo la scadenza del mio brevetto. 
Vidi le nuove biprese esposte nel negozio situato di fronte a casa mia. Erano incastonate in un cavalletto posato in cima al banco di vendita. Sopra il cavalletto spiccava il nome della Ditta seguito dalla scritta: "La novità dell'anno". Questa visione mi paralizzò. 

Pensavo costantemente che questa Ditta avesse copiato l'idea dai disegni che le inviai nel 1973. Dal '73 alla scadenza del mio brevetto questa Ditta poteva comodamente modificare il mio modello, produrre gli stampi, assemblare le prese, confezionarle e distribuirle sul mercato. 
Per capirci di più sulla vicenda interpellai Mario Martini, il titolare del negozio, il quale concluse il nostro dialogo con la frase: 

"Paolo, sono 3-4 mesi che teniamo in magazzino questo espositore di prese, ma non potevamo metterle in negozio prima del 4 ottobre". 

Il 4 ottobre 1977 era il giorno esatto di scadenza del mio Brevetto rilasciato il 4 ottobre 1973
L'evento mi provocò un groppo in gola che mi rimase per una quindicina di giorni. In questo lasso di tempo rimasi muto e alle domande della gente rispondevo, se serviva, soltanto con parole semplici come: "si", "no", "non so".
La Bipresa mi ha fatto capire quanto poco valgano i Poveri Inventori! 

NOTA: negli anni '70 i Brevetti per Modello d'Utilità duravano soltanto 4 anni.
 

 

 

1980 Scadenza del Brevetto del Salva pifferi 


Il "Salva spifferi"è stato il mio 3° brevetto prodotto e venduto da Ditte senza venirne coinvolto. Vidi casualmente il meccanismo applicato ad una porta circa 4 anni dopo aver ottenuto il brevetto. Lo guardai con dispiacere ma ormai m'ero rassegnato all'esistenza delle disgustose rapine di brevetti. 
Anche in questo caso la fregatura era anticipata dal generale disinteresse delle Ditte interpellate. 
Questo loro atteggiamento contribuì a distanziarmi nuovamente dai Brevetti.  
 

 

 

1985 Ripresa dell'attività brevettuale

Il tempo di pausa durò 8 anni, dal 1977 al 1985.
Ero molto dispiaciuto da quanto accadeva nel campo dei brevetti. Non intendevo più depositare brevetti ma la mia mente creativa non si fermava mai. Progettavo e disegnavo continuamente nuove idee finché, un bel giorno, mi dissi: 

"Forse mi è andata male perché non ho fatto un'adeguata propaganda. 
Forse coinvolgendo l'intero mondo industriale, qualcosa cambierà. ...". 

Ed allora m'incoraggiai a riprendere la via dei brevetti organizzando la mia partecipazione all'Expo delle Invenzioni di Ginevra, del 1985, ribrevettando ed esponendo i disegni della vecchia "Trazione anteriore". 
 

   Torna su

 

1985-1991 Ripresa dell'attività 

 

 

1985 I nuovi progetti 

Nel 1985 decisi di partecipare alla Fiera di Ginevra con la "Trazione anteriore" del 1973. 
Nello stesso anno
avevo iniziato a costruire i prototipi di due innovative invenzioni. 
Il 1° prototipo fu  il giocattolo "Dedalò" che per la sua semplicità di costruzione mi consentì di ottenere il Brevetto per Invenzione industriale in breve tempo. 
Il 2° prototipo messo
in cantiere furono gli sci acquatici "Wave Walker", che a causa della loro sofisticata e costosa costruzione, sommata ai tempi dei collaudi e delle dovute modifiche, impiegai ben 3 anni per completarli. 
 

 

 

1985

Trazione anteriore per motocicletta (2° Brev.)

ZOOM

Leggi gli articoli

Ripetizione esatta del Brevetto del 1973. 
Disegni del Brevetto esposti nell'Expo delle Invenzioni di Ginevra

 

 

 

1985 Successo in Fiera con la Trazione anteriore 

 

Il 1985 fu l'anno in cui partecipai alla "Fiera Internazionale delle Invenzioni" di Ginevra, dove ottenni un inatteso successo conquistando il 3° posto nel mio settore meccanico, coronato con diploma e medaglia di bronzo. 
Il successo fu però esaltato soltanto dagli applausi del pubblico durante la premiazione fieristica e dai complimenti ricevuti da parenti, amici e compaesani al mio ritorno a casa. 

Dagli industriali ho ricevuto complimenti, ma nessuna proposta d'affare. Di fronte alla bacheca dei miei disegni si formavano lunghe file di visitatori e di fotografi, ma nessuno mi ha espresso interesse al brevetto. Nonostante il generale disinteresse, circa 3 anni dopo l'Expo, la Trazione anteriore fu prodotta quasi contemporaneamente da 4 Aziende motociclistiche straniere tra cui l'americana Roccon e la Suzuki, probabilmente approfittando dell'assenza di protezione con Brevetto Internazionale della mia invenzione. 

 

 

1985

DEDALO', gioco a labirinto 3D

ZOOM

Dedalò è un gioco di abilità a labirinto tridimensionale. 
1° Brevetto commercializzato dalla Royal Games Imp-Exp.

   Foto e video, dettagli nella pagina di: 

 

DEDALO', gioco a labirinto 3D  

Il Dedalò fu il mio 1° brevetto richiesto dalla "Royal Games Import-Export" per metterlo in vendita.
Le vendite commerciali, dichiarate dal titolare, prospettavano un fortunato futuro per il Dedalò e spinto dal suo incoraggiamento decisi di produrlo rischiando un consistente capitale chiesto in prestito. 
Purtroppo, poco tempo dopo il contratto di lavoro e l'avvio della produzione del giocattolo, la Ditta fallì mettendo in ginocchio, assieme a me, altri 11 creativi suoi fornitori di giocattoli. 
 

 

 

1988 Wave Walker 

Nel 1988 conclusi i lavori di costruzione degli sci acquatici a propulsione umana, chiamati "Wave Walker", ottenendo anche il Brevetto per Invenzione Ind. italiano. 
 

 

 

  1988, 1990, 1991 WAVE WALKER

ZOOM

"Sci acquatici a propulsione umana generata dall'azione deambulatoria".
Brevetti per Invenzione Ind. italiano, europeo, internazionale.

 

 

 

1990 I Successi nelle Fiera con i Wave Walker 

Ginevra, 5 aprile 1990

Brussels, 13-18 nov 1990

 

I Wave Walker hanno avuto un enorme successo negli Expo di Rimini, di Ginevra e di Bruxelles, occupando spazi giornalistici e televisivi, come nel TG3 Regionale a Rimini, e conquistando due medaglie d'oro nelle Fiere Internazionali delle Invenzioni di Ginevra e di Bruxelles. 

   

  

 

 

1990-1991 Nuovi Brevetti dei Wave Walker 

Il successo dei Wave Walker stimolò due imprenditori della mia zona, a creare una Società per produrli, invitandomi a partecipare. 
Io accettai e appena firmato il contratto si impegnarono a richiedere i Brevetti esteri, accollandosi loro le costose spese. 

 

 

 

WAVE WALKER (raccllta di video)

Poveri Inventori

   Torna su

 

Anni '90-2008 3a pausa riflessiva

 

 

ANNI '90 Dubbi sulla protezione brevettuale

Primi anni '90
- Dopo qualche anno dalle medaglie d'oro, prese con i Wave Walker nelle Fiere di Ginevra e Brussels, mi resi conto della mia evidente inferiore competitività con il mondo capitalistico. Nonostante il successo e la visibilità internazionale, avuto nelle Fiere, nessuno s'interessò del mio brevetto. Forse, com'è già capitato, se l'invenzione interessa ai capitalisti, loro sanno come fare a fregartela. 
Archiviai, perciò, le oltre 1.000 idee innovative accumulate nel ventennio passato. La lista di idee conteneva anche 47 autentiche Invenzioni avanguardiste. Mi fu chiaro che renderle pubbliche con Fiere e Brevetti significava regalarle agli industriali, decisi allora di riposarmi ancora. 
La creatività tecnologica è troppo costosa per noi poveri Inventori sia per costruire i prototipi sperimentali sia, soprattutto, per affrontare eventuali battaglie legali contro i "Ladri di brevetti", già ricchi ma mai sazi di denaro.  
 

 

 

2004

WAVE WALKER ANFIBI

ZOOM

Nuova Domanda di Brevetto per invenzione industriale di un particolare meccanismo necessario per rendere "Anfibi" i Wave Walker.  

Domanda non depositata per i miei sospetti sull'inefficace protezione brevettuale. 
Probabilmente non la depositerò mai più, ...

 

 

2004 Wave Walker anfibi 

La costruzione dei Wave Walker, iniziata nel 1985, prevedeva lo studio di un meccanismo per renderli "anfibi". Iniziai a fare i nuovi propulsori subito dopo le Fiere del 1990 per verificare se la mia teoria era corretta. I nuovi Wave Walker anfibi risultarono perfettamente funzionanti ma per i sospetti che stavo coltivando sulla validità dei brevetti, decisi di non brevettarli e di non pubblicarli. 

 

 

2008 Nuova ripresa dell'attività brevettuale

Purtroppo il mio carattere RT2R, la somma dei caratteri trasmessi dalla mamma Ribelle Testarda e dal papà Testardo Reazionario, non mi consente di considerarmi un perdente, ed allora riprendo a combattere.
 

   Torna su

 

  Condividi su Facebook  Condividi su Twitter  Condividi su LinkedIn    

 

2008-2015 Creazione dell''ultima invenzione

 

 

2008 3a ripresa dell'attività creativa 

La passione per la tecnica mi spinse a rientrare in gara contro questo perverso mondo capitalistico. 
Scelsi di fare la "Contattiera combinatoria" tra le 47 Invenzioni archiviate perché richiedeva materiali di costruzione poco costosi. La difficoltà di reperire alcuni materiali mi ha fatto ritardare di 2 anni il collaudo del 1° prototipo, fatto con 31 LED da accendere premendo 5 tasti
Questa Contattiera l'avevo progettata negli anni '80, forse 1988, e adesso, che l'ho fatta e che funziona perfettamente bene .. 

.."io speriamo che me la cavo"

 

 

 

2011-2013 Domande di Brevetto di Yufhufhu!

In questo periodo preparai 3 domande di brevetto per Invenzione industriale su 7 domande in programma, depositando la 1a il 27-09-2011, riguardante il meccanismo elettromeccanico, la 2a il 24-09-2012 e la 3a il 22-04-2013, riguardanti entrambe gli "Schemi digitali". 
 

 

 

2014 1° Attestato di Yufhufhu! 


Il 1° Attestato della serie Yufhufhu! fu la "Contattiera", ottenuto 3 anni dopo la Domanda:  

Brevetto per Invenzione Industriale 
TITOLO: "Contattiera elettrica a deviazione multipolare in sequenza combinatoria".
DOMANDA  N.  TV 2011A000127

ATTESTATO N.   0 0 0 1 4 1 2 2 2 0

Data dep. domanda:  27-09-2011

Data rec. attestato: 20/11/2014 

1a modifica:  13-02-2012 - (RIV. + DIS.)

 

2a modifica:  07-12-2012 - (DESC. Titolo + RIV.)

 


"alla faccia del Bicarbonato di Sodio"
 

 

 

2014-2016 Attestati di Brevetto di Yufhufhu!

In questi 2 anni ottenni 2 di 3 Attestati: per la "Contattiera combinatoria"  e per lo "Schema dattilofonico musicale". Lo "Schema dattilofonico verbale", invece, l'ho volontariamente sospeso per le continue richieste di modifica dei documenti descrittivi. 
Queste assurde lungaggini burocratiche mi suggerirono di "Consegnare gli Schemi alla Ditta che si occuperà di Yufhufhu!". 
I 5 anni di burocrazia brevettuale m'indussero nuovamente a ritirarmi dall'assurdo mondo dei brevetti che mi faceva soltanto perdere tempo e spendere soldi per niente. 
 

   Torna su

 

Riflessioni sui Brevetti

 

 

2016  Riflessioni sull'assurdo mondo dei Brevetti

Mi sono serviti 44 anni per convincermi di chiudere i rapporti con l'assurdo mondo dei brevetti.
Considerando alcune regole brevettuali come, per esempio,
 L'autentico autore di un'invenzione deve depositare il Brevetto Internazionale entro 18 mesi dal suo Brevetto Nazionale altrimenti chiunque può brevettare la sua invenzione in qualsiasi Stato estero e .. 
 L'invenzione deve essere prodotta industrialmente entro 3 anni dall'ottenimento del Brevetto altrimenti il Brevetto decade, 
io mi sono posto diverse domande: 

  Perché un Inventore non viene storicamente riconosciuto e protetto per l'eternità quando si hanno prove certe che costui è l'autentico autore di quella specifica Invenzione?  Perché un Inventore deve rispettare modi e tempi dettati dalle regole brevettuali altrimenti la sua invenzione diventa proprietà di altri individui?
 Vale veramente la pena chiedere le protezioni brevettuali quando chiunque può rubarti i Brevetti sfruttando furbesche strategie burocratiche per dimostrare che la tua idea è sua?

Un esempio di queste maligne furberie è stato il povero Antonio Meucci  
Ce la farà, dunque, un inventore povero a superare tutti questi ostacoli?
 

 

   Torna su

 

 

 
 Basta! Brevetti basta! Halt! Stop! Ao!
 

 

 

il 2016 è il 44° anno di risultati negativi

 

quarantaquattro anni
'n
figa per sei col resto di due
● ● ● 


Molto spesso calcolavo quanti anni erano passati dall'inizio della produzione di brevetti e quando arrivò il 44° anno improduttivo, mi misi a cantare la suddetta filastrocca.
E sempre più spesso pensavo di abbandonare definitivamente l'illusoria protezione brevettuale. 
Il brevetto, dicono, difende i "Diritti d'autore", è vero, sulle carte è scritto così, ma nella realtà il vero autore delle invenzioni deve avere i soldi per pagare i costosi brevetti e deve avere altri soldi per pagare i costosi avvocati se gli capitasse di dover difendere i propri diritti. 
 

 

 

nel 2019 Yufhufhu! va in TiVù su Striscia la Notizia

 

 Nonostante l'enorme visibilità di Striscia, non ho ricevuto nessun segnale d'interesse verso Yufhufhu!. Non ho mai capito il motivo di tutto questo disinteresse.

 

 

   Torna su

 

2020 - 2036 Ah.. che peccato!

 

 

 

il 2020 è il 35° anno dal 1° Premio ottenuto in Svizzera nell'85
 


: bêła. bêła. 
: ma ko łe medaye. no te manyi mia sêtu. 
: tò. capa.

 


"Bella, bella. Ma con le medaglie non mangi mica sai. Ecco, prendi"
 


Così disse mio padre ridandomi la medaglia che gli feci vedere al mio ritorno dalla Svizzera.
Il mio vecchio saggio aveva perfettamente ragione. Ancora adesso, a 35 anni da quel 1985, sto ancora aspettando di mangiare qualcosa. 
 

 

 

il 2020 è il 48° anno dal 1° Brevetto ottenuto in Italia nel 1972



a: ke pekà: 

"Ah, che peccato"
 

 

  a: ke pekà:  è il titolo di un libro autobiografico che mi son messo a scrivere proprio per elencare tutti i sogni andati in fumo principalmente per via delle malefatte brevettuali.
Per esempio:
  Sognavo di sperimentare tutte le mie idee, ma con pochi soldi ho potuto farne pochissime, e se adesso prendessi dei soldi, con l'esaurirsi del mio tempo di vita, potrò sperimentarne sempre di meno. 
  Sognavo di condividere la mia creatività con scuole tecniche e università, condividendo con loro gli eventuali profitti ottenuti dai brevetti. Soltanto l'ITIS di Castelfranco Veneto accettò la mia proposta, ma dopo due incontri non si fece più sentire.  
  Sognavo di aprire un edificio con diversi tipi di laboratori, e viverci dentro giorno e notte, e consentire agli studenti geniali di utilizzarli gratuitamente. 
 ● Sognavo di aprire una scuola e darla gratuitamente agli studenti tecnologici. 
Sognavo di far vivere dignitosamente alcuni miei compaesani poveri, aumentando il numero di poveri da sostenere in base alla quantità di denaro racimolata con i brevetti, 
 
 E sogno tutt'ora ma con la sensazione, sempre più concreta, che morirò senza soddisfazione. 
 

 

 

202X

Motore degli anni '60 (forse 1968)


Riesumazione del "Motore..." progettato negli anni '60, forse 1968, mai sperimentato per insufficienza di soldi.

 

 

    Motore degli anni '60 (forse 1968)

Appena mi sarà possibile farò il prototipo del vecchio "Motore ...".
Se funziona bene, come teoricamente previsto, lo nasconderò in una scatola e farò un filmato mostrando soltanto il suo rendimento.
E poi concluderò il video lanciando la scatola con il "Motore ..." nel fuoco di un braciere e ..

Basta! Brevetti basta! Halt! Stop! Ao!

 

 

 

2036 

Domanda: "Ammettiamo che io viva per altri 16 anni, cioè fino al 2036, sarò in grado di sperimentare l'enorme quantità di idee accumulate?". 
Risposta: "Assolutamente no, nemmeno se qualcuno, già da oggi, 2020, s'impegnasse ad aiutarmi".


L'aiuto serviva quand'ero un giovane studente inesperto e ingenuo inventore. Sicuramente in 48 anni sarebbero stati concretamente sperimentati e costruiti moltissimi dei 1.000 progetti, non teoricamente sognati, come ho fatto finora.
 

 

 

???? Cosa mi resta da fare al tramonto della vita? 

Se la poca ignota restante quantità di vita mi permettesse di sperimentare ancora qualcosa, mi piacerebbe riuscire farlo almeno con le mie idee preferite.
Ad esempio: i due motori, i due variatori di velocità, la barriera acustica e altre 4 invenzioni.

Ma senza soldi, e magari diventando anche cieco, mi sa che dovrò continuare a sognare fino alla morte.  
 

 

 

???? Le 46 rivoluzionarie Invenzioni 

Ho scelto di sperimentare, se potrò farlo, soltanto Invenzioni abbandonando, a malincuore, il migliaio di Modelli d'utilità.
Le 46 Invenzioni sono principalmente meccaniche, per es.: due motori, due variatori di velocità ecc. Altre invenzioni sono elettromeccaniche, acustiche, ottiche idrauliche e chimiche. Ho anche invenzioni di tipo astratto, come gli "Schemi dattili" associati alla "Contattiera combinatoria" come,  ad es., lo Schema linguistico "AFA" e lo Schema musicale "MUX", il "Sistema numerico duennale" di matematica ecc., le quali, appena posso, le regalerò al mondo culturale. 
Quasi tutte le 46 invenzioni sono accompagnate da altre applicazioni ad esse correlate.

Ho inventato pure una invenzione eterea: "il paradiso CAGA". Un paradiso creato per ospitare i "cagati" Creativi Artisti e Geni Atei. ... 
 

 

 

     FINE 


Ricordo ancora il povero Antonio Meucci e tutti i poveri inventori truffati che elencherò prossimamente in una specifica pagina.
Buonanotte.

Basta! Brevetti basta! Halt! Stop! Ao!

 

 

 

..buonanotte

Paolo Pegoraro (breve biografia), ultimo agg. 15 agosto 2020  

 

 

  Condividi su Facebook  Condividi su Twitter  Condividi su LinkedIn    

  Torna su

 

 

 

 

 

 

Successiva

 Invenzioni e Modelli d'Ut. di Paolo Pegoraro, brevettati dal 1972
 

 

 

Paolo Pegoraro (San Vito di Altivole, Treviso)

Breve biografua dell'inventore e autore del sito Paolo Pegoraro

e-mail per info generiche:   guinness[E]venetieventi.it 

e-mail riguardante Yufhufhu:   yufhufhu[E]venetieventi.it 

copiare l'e-mil e sostituire   [E]   con   @

 

Sito pubblicato il 20/02/2011, aggiornato il 19/08/2020.