Indietro Avanti GVR in Versione estesa

  Skrvame 

 

 

L'alfabeto della rafia Veneta Rriformata JGY

 
In questa pagina:
MESSAGGIO IMPORTANTE
  RIFIUTO DELLA GVR
  Le vocali
Le semi-vocali
Le consonanti
I digrammi
La lettera muta
L'ALFABETO
Tutti i suoni e i simboli delle grafie GVU, GVR-JGY e AFA
 

nessaggio

MESSAGGIO IMPORTANTE: 

La GVR costruita sulla polifonia dialettale (Hans Goebl) veneta, per poter scrivere tutte le parlate venete.
 Nessuna delle parlate pronuncia tutti i suoni dell'alfabeto della GVR, ma l'esubero di segni grafici necessario per contenere tutti i fonemi veneti in un unico alfabeto unitario. 
Ogni parlante veneto deve, dunque, conoscere tutti i segni grafici, anche quelli che non usa. 
NOTA:  NOTATE BENE   che quanto detto accade gi scrivendo il veneto con l'alfabeto italiano. I digrammi italiani SC e GL seguiti da i ed e, le doppie e per alcune parlate anche le due Z (sorda e sonora), indicano suoni inesistenti in veneto pertanto, chi sostiene di scrivere il veneto usando la gtafia italiana, i suddetti grafemi non li scriver mai, ma comunque costretto a conoscerli  (vedi Tabella riassuntiva delle differenze fonetiche).   
Il difetto di avere un alfabeto veneto con pi segni di quelli necessari per indicare i suoni pronunciati in qualsiasi parlata compensato dal pregio di poter individuare, anche nella scrittura come nella parola, l'origine geografica dello scrivente. 
Inoltre, l'esubero di grafemi, da 1 a 6 secondo la parlata, l'unico modo possibile per rendere effettivamente unitaria la grafia veneta (vedi PREMESSA (Ceppo di lingue) nella pag. Quale lingua veneta?.
NOTA:  RIPETIAMO   a costo di essere ridondanti che l linguisticamente scorretto usare la grafia italiana, costruita addosso all'italiano (longua Osco-Umbra del Gruppo delle neolatine orientali) 
Questa la peculiarit della GVR (vedi I fonemi variabili tra le parlate venete).

rifiuto

RIFIUTO DELLA GRAFIA VENETA RIFORMATA

Nel caso in cui la polimorfa GVR, che, ricordiamo, creata apposta per unificare tutte le parlate venete sotto un'unica grafia, non piacesse o non fosse ritenuta idonea per rappresentare le varie parlate del ceppo veneto, ogni parlante veneto, se sensibile al problema, dovr scegliere uno specifico alfabeto con relativa ortografia per poter scrivere correttamente la propria parlata garantendone, cos, la sopravvivenza.
NOTA:  E' IMPORTANTE RICORDARE   che pensare di unificare tutte le parlate venete attraverso la grafia italiana una pia illusione. Non esiste, infatti, alcuna parlata veneta che abbia lo stesso numero di fonemi dell'italiano e solamente i dialetti che ne hanno di meno possono, con qualche sacrificio linguistico, abbassarsi ad adottare l'italiano voltando, cos, il sedere alle sorelle parlate venete che ne hanno di pi. 
In vista di questo probabile rifiuto dei veneti all'unificazione linguistica, la GVR gi pronta, cos com', er diventare la grafia ufficiale della parlata axoana visto che i fonemi di questa parlata sono graficamente tutti rappresentati con la sola eccezione di avere la Z sonora in pi. Questa lettera sar, comunque, mantenuta nell'alfabeto per solidariet verso le lingue venete. 
In questa evenienza la GVR sar solamente rinominata AFA (Alfabeto Fonetico Asolano) prossimamente visibile in Internet.

 

Scopri le differenze fonetiche tra le parlate venete.

 

Prosegui con l'alfabeto >>

vocali
 

 

LE VOCALI 

9 timbri vocalici rappresentati da 5 grafemi

 

GVR

IPA

Articolazioni

I i

[i] Palatale anteriore di massima chiusura.
[e] Palatale anteriore semichiusa.
(1)   Palatale  anteriore semiaperta. E' la di Venzia, intermedia tra la chiusa [e] e la (semi)aperta [ε].
Palatale anteriore semiaperta.
A a (2) [a] Vocale centrale di massima apertura.
Velare posteriore semiaperta.
(1)   Velare posteriore semiaperta. E' la di Bolgna, intermedia tra la (semi)aperta e la chiusa [o].
* [o] Velare posteriore semiciusa.
U u [u] Velare posteriore di massima chiusura.

(1)   Generalmente le tastiere per scrivere con codifica occidentale non hanno i due caratteri e cos accentati, in tal caso si devono utilizzare le rispettive vocali con gli accenti aperti ed (vedi Tecnologia: strumenti per la scrittura).

(2)   Tra le vocali venete esiste anche una a con suono intermedio tra la a e la e [], la quale rappresentata nella GVU col simbolo (vedi Tabella GVR vs GVU). Questo simbolo escluso dalla GVR (e perci anche dall'AFA) perch la , con questo segno diacritico utilizzato per marcare la differenza fonetica tra le due vocali, nelle tastiere con codifica occidentale il tasto non c'.

 

 Torna su

semivocali

LE SEMI-VOCALI

3 timbri semivocalici rappresentati da 2 fonemi

GVR

IPA

Articolazioni
ele tay, mayskol e menskol da Font

(1)

semiconsonantica (dorsopalatale rilassata) laterale dentale e semivocalica palatale anteriore indistinta chiusa brevissima e [].
elle evanescente da tastiera
elle evanescente da GVU
 
Y y (2)

 i fricativa palatale semiconsonantica anteriore. E' la y dell'inglese Yet e la j italiana di Jesolo.

(1)   (sottolineato) ed sono caratteri di stampa usati provvisoriamente al posto dei corretti ele tay, mayskol e menskol da Font perch tra loro somiglianti e perch presenti su tutte le tastiere. (vedi anche : Il fiore all'occhiello della lingua veneta).

(2)   La Y stata scelta per sostituire la storica semi-vocale J. (Vedi Lettere in esame: J e Y).

 

Torna su

consonanti

LE CONSONANTI

18 suoni consonantici (17 + N velare)

GVR

IPA

Articolazioni
B b [b] Esplosiva sonora bilabiale.
C c (1) Affricata palato-alveolare sorda. E' la c di Cicerone. Mantiene sempre lo stesso suono con tutte le vocali. 
D d [d] Occlusiva (esplosiva) dentale sonora.
F f [f] Occlusiva velare (fricativa) sorda labiale.
G g (1) [g] Occlusiva (esplosiva) velare sonora. E' la g dell'inglese Get e dell'italiano gatto. Mantiene sempre lo stesso suono con tutte le vocali al seguito, come in tedesco. 
J j (1) Affricata palatale sonora. E' la j dolce dell'inglese Jet e la g dell'italiano Giorgio. Mantiene sempre lo stesso suono con tutte le vocali al seguito.
K k (1) [k]

Occlusiva (esposiva) velare sorda.

L l [l] Affricata latero-dentale (laterale alveolare liquida).
M m [m] Nasale bilabiale.
N n (2) Nasale laterale dentale alveolare e velare.
P p [p] Occlusiva (esplosiva) bilabiale sorda.
R r [r] Vibrante linguale o alveolare.
S s (3) [s] Fricativa alveolare sibilante sorda. Mantiene sempre lo stesso suono dell'it. sasso in tutte le posizioni.
T t [t] Occlusiva (esplosiva) postdentale sorda.
V v [v] Fricativa spirante labiodentale sonora.
X x (3) Fricativa alveolare sibilante sonora. E' la . Mantiene sempre lo stesso suono s [z] dell'italiano rosa in tutte le posizioni.
Z z (4) Fricativa (5) sibilante dentale sonora. E' simile alla la z dolce  [dz] dell'italiano zona.

(1)   Le lettere C, J, K e G contrariamente all'italiano, mantengono sempre lo stesso suono in tutte le posizioni e con tutte le vocali al seguito.  (vedi anche Breve storia del nome della GVR).

(2)   La N rappresenta due suoni: nasale alveolare e velare. Il simbolo rimane, comunque, lo stesso per entrambi perch fonologicamente non si contrastano. Al 1 segue sempre una vocale banana, panino; al 2 segue sempre una consonante pontl, o non segue niente molton.  

NOTA:  la N velare in veneto, contrariamente all'italiano, precede anche le consonanti esplosive bilabiali sia sonora B sia sorda P

(3)   Le lettere S e X contrariamente all'italiano, mantengono sempre lo stesso suono convenzionalmente assegnato loro. (vedi Le differenze fonetiche tra le parlate venete: le sibilanti).

(4)   La Z sonora, dell'it. zona, rappresenta un suono inesistente nell'axoan (come pure nel pavan e in alcune altre parlate venete), ma viene comunque mantenuto nell'alfabeto AFA (GVR-JGY) perch fa parte della fonetica veneta. (vedi Le differenze fonetiche tra le parlate venete: le sibilanti).

(5)  Sia la Z sonora che la Zh sorda anche se in misura minore, sono inesistenti nella maggior parte delle parlate venete e dove ci sono vengono pronunciate pi "soffiate" (fricative) rispetto alle corrispondenti Z (Tz, Dz) italiane, che sono pi esplosive (affricate). 

 

Torna su

digrammi

I DIGRAMMI

5 suoni rappresentati da digrammi  

 

GVR

IPA

Articolazioni
Th Fricativa interdentale sorda. E' il th  [θ] inglese di thing.
Dh Fricativa interdentale sonora. E' il th  [] inglese di the.
Fh (1) [h], [h] Effe aspirata sorda postvelare.
Ny(2) Nasale palatale sonora. E' la gn dell'italiano gnomo e dello spagnolo nio
Zh(3) Fricativa (4) sibilante alveolare sorda. E' simile la z dura [ts] dell'italiano inizio.

(1)   Vedi H da GVU e FH da GVR.

(2)   Il digrafo Ny stato scelto in sostituzione al vecchio simbolo portoghese Nh. (vedi Digramma in esame: Nh e Ny).

(3)   Il digrafo Zh rappresenta il il rispettivo suono di z duro [ts] dell'italiano pozzo, opposto alla z dolce  [dz] di zona. Quest'ultimo suono inesistente nel dialetto asolano. (vedi Le differenze fonetiche tra le parlate venete: le sibilanti).

(4)   I suoni della Zh sorda e, in misura minore, anche della Z sonora, in Veneto, dove esistono, sono generalmente pi "soffiati" (fricativi) rispetto ai suoni delle Z italiane (Tz, Dz) pi esplosivi (affricati). 

NOTA: NOTA:  La GVU elenca tra i digrammi veneti anche Sh (fricativo palatale sordo dell'eng. shift, short) e Xh ( sonoro delle fra. jour, jeudi). Questi due simboli sono esclusi dall'AFA (dunque anche dalla vecchia GVR-JGY) perch inesistenti nelle parlate venete. Essi indicano suoni di parlate di tipo ladino, gi provviste di una propria grafia ufficiale, dunque linguisticamente autonome dal Ceppo linguistico veneto. (vedi anche Lettere in esame: Sh e Xh).

 

Torna su

muta

LA LETTERA MUTA

1 Simbolo grafico senza suono

GVR

IPA

Articolazioni
H h (1)   Muta

(1)   L'H serve solo per creare i digrammi Th, Dh, Fh e Zh (e, con riserva, anche Sh e Xh) con suoni differenti da quelli attribuiti alle consonanti a cui l'H appoggiata.

 NOTA:    Vedi anche H da GVU e FH da GVR.

 

Torna su

alfabeto

L'ALFABETO

25 lettere alfabetiche per rappresentare 35 suoni veneti

 

 

Alfabeto Digrafi
A a  
B b  
C c (1)  
D d Dh Pronuncia
E e () (2) ( ) Pronuncia
F f Fh Pronuncia
G g (1)  
H h (3) (mura)
I i  
J j (1) Pronuncia  
K k (1)  
L l  
(4) () Pronuncia
M m  
N n (5) (n) Ny
O o (2) ( ) Pronuncia
P p  
R r  
S s (6)  
T t Th Pronuncia
U u  
V v  
X x (6)  
Y y  
Z z (8) Zh Pronuncia

 

Breve ripasso

(1)   L'acronimo AFA significa Alfabeto Fonetico Asolano dunque per coerenza le lettere C, J, K e G contrariamente all'italiano, rappresentano sempre lo stesso suono assegnato loro, indifferentemente dalle lettere che seguano o non seguano. (vedi Breve storia del nome della GVR).

(2)   E e O corrispondono foneticamente alle rispettive vocali chiuse [e] e [o]. Oltre a questo suono chiuso i due caratteri rappresentano altri due suoni vocalici ciascuno: i semiaperti e , evidenziati dall'accento circonflesso, e gli aperti e , evidenziati dall'accento aperto. 

ATTENZIONE!ATTENZIONE: chi non ha le vocali con accento circonflesso e nella tastiera per scrivere, quando necessario al loro posto deve  utilizzare le rispettive vocali aperte e . (vedi Tecnologia: strumenti per la scrittura).

(3)   L'H serve solo per creare i digrammi Th, Dh, Fh e Zh (e, con riserva, anche Sh e Xh) con suoni differenti da quelli attribuiti alle consonanti a cui l'H appoggiata.

(4)   nell'axolan la pronunciata e semi-vocalica indistinta molto breve [] ( uno dei due suoni attribuiti alla ). Anche se il suo suono richiama la e, sia con l'AFA che con la GVR-JGY questo fonema viene ugualmente scritta con il simbolo della elle evanescente (ele tay, mayskol e menskol da Font per chi ha la tastiera predisposta) perch ha la sua stessa origine fonologica.

NOTA: RICORDIAMO  che (maius.) ed (minus.) sono caratteri di stampa usati al posto dei corretti ele tay, mayskol e menskol da Font solo perch somiglianti e presenti su tutte le tastiere. (vedi anche : Il fiore all'occhiello della lingua veneta).

(5)   La N rappresenta due suoni: nasale alveolare e velare. Il simbolo rimane, comunque, lo stesso per entrambi perch fonologicamente non si contrastano. Al 1 segue sempre una vocale banana, panino; al 2 segue sempre una consonante pontl, o non segue niente molton.  

NOTA:La N velare in veneto, contrariamente all'italiano, precede anche le consonanti esplosive bilabiali sia sonora B sia sorda P

(6)   Le lettere S e X contrariamente all'italiano, rappresentano sempre lo stesso suono convenzionalmente assegnato loro. (vedi Le differenze fonetiche tra le parlate venete: le sibilanti).

(7)   La Y stata scelta per rappresentare la i semi-vocalica, snticamente rappresentata dalla lettera J. (Vedi Lettere in esame: J e Y).

(8)   la pronuncia della Z sonora, dell'it. zona, non esiste nell'axoan, nel pavan e in alcune altre parlate, ma viene comunque mantenuta nell'alfabeto AFA (come pure nella GVR-JGY) per ricordare che in qualche posto dell'area venetofona essa pronunciata ed , quindi, utilizzabile qualora si volesse o dovesse scrivere nelle parlate che la pronunciano. (vedi Le differenze fonetiche tra le parlate venete: le sibilanti).

NOTA:La Zh alveo-dentale sorda dell'it. pozzo limitatamente presente nell'axoan ed usata saltuariamente come lenizione (addolcimento) della pi dura e comune interdentale Th.

 

Torna su

totale

Tutti i suoni veneti indicati dalla GVU sono:

bullet8 vocali (7 + ladina)
bullet3 semivocali (2 (semicons. e semivoc.) + J (Yper l'AFA e la GVR-JGY))
bullet18 consonanti (17 + N velare)
bullet7 digrafi (5+ Sh e Xh ladini
bullet36 TOTALI (vedi Alfabeto della GVU)

Segni grafici proposti dalla GVU per rappresentare i 36 suddetti suoni

bullet25 ordinari (22 semplici + Dh, s-c, Zh)
bullet7 speciali (c' + 6 con segni diacritici non comuni) 
bullet9 alternativi (K + X + SC + + 5 con segni diacritici non comuni) 
bullet41 segni TOTALI (32 segni effettivi + 9 alternativi)

 

Tutti i suoni veneti indicati dalla GVR-JGY sono:

bullet9 vocali (esclusa ladina)
bullet3 semivocali (2 (semicons. e semivoc.) + Y)
bullet18 consonanti (17 + N velare)
bullet5 digrafi (7 - Sh e Xh ladini
bullet35 suoni TOTALI (38 - 3 suoni ladini)

Segni grafici proposti dalla GVR-JGY per rappresentare i suddetti suoni

bulletTOTALE 25 caratteri alfabetici ordinari (solo segni singoli).
bullet+ 9 simboli combinati (5 digrafi + 4 caratteri accentati)

NOTA: i 2 suoni della e della N usufruiscono dello stesso segno perch non si sovrappongono. 

 

I suoni asolani sono:

bullet9 vocali (esclusa ladina (forse nell'asolano c'))
bullet2 semi-vocali (solo semivocalica + Y)
bullet17 consonanti (18 (17 + N velare) - Z sonora)
bullet5 digrafi (7 - Sh e Xh ladini)
bullet33 suoni TOTALI  (38 - 3 suoni ladini - 2 suoni veneti mancanti nell'asolano)

I segni grafici dell'AFA sono gli stessi di quelli della GVR-JGY

bulletTOTALE 25 caratteri alfabetici ordinari (solo segni singoli).
bullet+ 9 simboli combinati (5 digrafi + 4 caratteri accentati)

NOTA: i 2 suoni della e della N usufruiscono dello stesso segno perch non si sovrappongono. 

 

NOTA:i segni grafici dei due suoni veneti mancanti nell'asolano sono, comunque, mantenuti nell'alfabeto AFA.

 

 

Torna su 

Indietro Su Avanti