Cerca in Yufhufhù!

 

  L'idea degli sci (1985-1988)
   Home Presentazione Video e foto Contatti Links Expo

Mappa del sito

Sponsor: Viterie Venete - Monselice PD

Scrivimi

 

Gli sci anfibi
L'idea degli sci (1985-1988)
Le Fiere 1989-1990
BIOGRAFIA DELL'INVENTORE
POVERI INVENTORI
SPETT.LE DITTA
Brevetti di Paolo Pegoraro
Trazione anteriore per moto
Gioco a labirinto 3D

1985

lo spunto

In questa pagina:
bullet1985 lo spunto
bullet1986 il 1° prototipo
bullet1987 gli scafi
bullet1988 Domanda di Brevetto 
 

Altre invenzioni di
Paolo Pegoraro su:

Breve biografia dell'inventore

 

L'idea di fare i WAVE WALKER mi è venuta vedendo in tivù, non ricordo in quale programma, il paio di sci apparsi poi anche in un articolo di "Famiglia Cristiana" (N° 25/1989) che ho riportato qui accanto.

Questi sci non avevano una propulsione propria e il "passeggero" doveva aiutarsi con due racchette spinte dalle braccia con lo stesso fine di quelle dello sci da fondo. 

Ecco allora che nasce l'idea di applicare un propulsore dinamico azionato dalle gambe soprattutto per aumentare la velocità in sci destinati a diventare attrezzi sportivi, velocità che mancava negli sci dell'articolo. 

L'elemento acqua permetteva l'utilizzo dello spazio sommerso a differenza della neve ed ecco che pian piano prensono forma i WAVE WALKER.

Torna su.

 

 

1986

il 1° prototipo

Dopo la teoria iniziai i lavori che si conclusero nel 11988. Feci un primo prototipo di sci che dovevano servire esclusivamente per provare le tre ipotesi di propulsione secondo me possibili. iGli scafi galleggianti erano due tozzi parallelepipedi di legno compensato tamburato a tenuta stagna la cui forma definitiva venne studiata in seguito.

Torna su.

 

 
1987

gli scafi

Definitivamente scelto e perfezionato il sistema propulsivo, che doveva essere semplice ed efficiente, passai a studiare la forma dello scafo galleggiante. Studiai tre opzioni realizzando per primi due modelli di sci da trekking il primo dei quali fatto interamente a mano compresi i galleggianti in PVC. Questi prototipi sono visibili nella foto a fianco ed ancora conservati. Il secondo paio, meno artigianale, è quello che si vede nell'Album fotografico di questo sito
 
1) SCI DA TREKKING: dovranno essere leggeri, pieghevoli e gonfiabili per poterli trasportare facilmente in (vedi le pagine  dell'Album fotografico)

2) SCI DA VELOCITA': devono essere rigidi e fatti con i moderni materiali super leggeri, molto ridotti nelle dimensioni tanto da avere una spinta idrodinamica negativa. Il sostentamento viene poi dato dalla velocità di avanzamento.

3) SCI DA FONDO: devono essere longilinei, con buona penetrazione idrodinamica, robusti cioè fatti per sopportare intense sollecitazioni per lunghi periodi.

 
Ecco qui a destra un esempio di scafo da fondo. In questo scafo non è ancora stato montato il propulsore e la calzatura che lo aziona, costituita da un semplice zoccolo in modo da lasciare il piede libero di uscire in caso di cadute nel rispetto delle norme nautiche vigenti.

Torna su.

 

WW sgonfi e chiusi
WW sgonfi e chiusi

WW aperti e gonfiati

WW aperti e gonfiati

 

 

 

 

 

 

WAVE WALKER modello in VTR da fondo

1988

Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale

Finiti  e collaudati gli sci in modo soddisfacente, presentai domanda di Brevetto per Invenzione Industriale prima in Italia seguito ne 1990 da quello  in Europae nel 1991 dai depositi in USA, Canada, Australia, Giappone e Brasile.

Torna su.

 

 
 

Precedente Successiva

 
 

GUINNESS DEI PRIMATI - Traversata dell'Oceano Atlantico

Wrbmaster

Home Presentazione Video e foto Contatti Links Expo