"Le lingue dal punto di vista fonetico sono migliaia, mentre dal punto   
di vista psicologico ne esistono solo due: la lingua materna o   
primaria e tutte laltre lingue messe insieme o seconde".   
Ludwig Wittgenstein    

Alfabeto fonetico unitario JGY del ceppo linguistico veneto  [ISO/DIS 639-3: vec]
e alfabeto fonetico internazionale AFA per tastiere dattilofoniche verbali

 

 

 

 

Sito culturale veneto

Detti sui dialetti di celebri studiosi

 

 

Scrivimi

 

 

 

 

 

 

PAGINA IN PREPRAZIONE

 

 

Vneto axoan

Łł

JGY dattilografico AFA dattilofonico
   
   
   
   
   
   

 

 

Talian

 

JGY dattilografico AFA dattilofonico
   
   
   
   
   
   

 

 

Prtuges

 

JGY dattilografico AFA dattilofonico
   
   
   
   
   
   

 

 

Vneto venesian (DA SISTEMAR)

 

JGY dattilografico AFA dattilofonico

KO  ȽA KOA - SONETO VI

 (Trato da "Scavi a Qumran" de Ottone Menato, Vicenzo Ursini Editore, s.n.c. , Catanzaro.)  

Ki non sa k sa sia kazharse in łtoko una Ragasa jovine, e vistoxa,Ke sia grasta, tonda, e butiroxa,

No sa ksa, ke sia gusto perfto.L se gde nyi ben, nyi diłto,E dała spina x kur ła rxa,Ke se kuełla p x ła so moroxaAltro k' el Paradixo de Maometo!

Kuando ke se sckmenzha andarge arente,

Una dolcezha tal in sen ve pive.

Ke de sto Mondo no se s pi niente.Par ke svła, e kse tante, e nive

Ne rałegra e beatfika ła mente

Ke no se skanbieria ko 'l Siel de Jve.

Ke se p se ge meteEl muxo in te łe tete,

E per mazor trastuło

Un deo nel bux del Kuło,

Ałora ve prometo

Se va, ko se s'ol dir,

Tuti in bro'eto.

Ma krese el godimento

Kuanto ke se x lPer andar drento,Ke per mterse in lna

Se fa ke la ve 'l mena,

E ko no la pol piSe vlta el kuło in s:Per tuto la se baxa,

El kuło se ge naxa,

P se ge salta adso

Kol kazho duro e grso,

E kos suto, suttoEl se ge mete tuto,

Se lasa, ke la traga,

La zhiga, e ke la kaga,

E sa va drento,e fora

Infino ke ła xbra,

Altro, ke viłe, e fiori,

Ke blsami, e likuori,

Altro ke late, e pana

Ke zhkero, ke mana,

No ge espresion, ke basta

Ƚa matria 's vastaKe no g' fin, n fondoMe prdo, e me konfondo,

No s dove ke sia,S ke starave in mona in vita mia. 

 
 
   
   
   
   
 

Zorzi Bfo (Boffo) poeta dialettale veneziano (Venezia 1694-1768). Patrizio, influenzato dalla scuola francese dei libertins, scrisse versi licenziosi che testimoniano la libert del costume veneziano nella seconda met del Settecento. La sua opera riunita nella Raccolta universale di Giorgio Baffo uscita postuma nel 1789. 

 

I testi di Boffo non sono scritti in lingua veneta popolare, ma mell'idioma goldoniano di moda tra i veneziani s-nobili di quel tempo, cio "i kageta"

 

Proprio il Goldoni (1707 - 1793) si dimostr oltremodo affezionato al toscano tanto da ridurre la lingua veneta scritta ad un lezioso dialetto italiano, dunque per la sua mentalit non poteva certo scrivere caratteri che non fossero italiani [jn  modo semplice .... Questo fatto lo evidenzi pure linsigne linguista Manlio Cortelazzo scrivendo: "se parlassi solo di lingua popolare, allora dovrei escludere Goldoni".  (leggi Il lessico dei dialetti di terraferma (1 e 2) di Manlio Cortelazzo)

 

 

 

Elle evanescente da GVU (popup)

I dialetti di terraferma (1)

 

I dialetti di terraferma (2)

Gli effetti della grafia italiana  (pag. citata)

 

in lingua veneta - Raixe Venete

Sulla lingua veneta: che viva o che muoia?

 

 

Dialetto veneziano - Wikipedia

Lingua veneta - Wikipedia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 
 

 

 

 

Paolo Pegoraro inventore e autore del sito (breve biografia)

email: guinness@venetieventi.it 

 

Sito pubblicato il 20/02/2011, aggiornato il 10/09/2016.