Cerca nel sito Veneti Eventi

Home GVR Statistiche Contributi Servizi                              

Passa a GVR in Versione Ridotta (consigliato)

 

Introduzione Obiettivi GVR Ortografia Fonetica Morfo-sintassi Lessico Esercizi Letture Norme EXTRA

Argomenti di Fonetica

Articolazione dei suoni
La lettera speciale
Gli accenti
Scrivere correttamente
Lettere con suono variabile

In questa pagina:
Le varianti dialettali
Caduta di consonanti e elle evanescente
Gli accenti
La lettera Z

L'importanza di rispettare le regole ortografiche

Le varianti dialettali

Contrariamente a quanto va di moda dire che il veneto in miscuglio di lingue (v. Opinione dei linguisti sui dialetti veneti), le varianti dialettali venete differiscono di poco le une dalle altre. 

Analizzando bene qualsiasi frase, tradotta nelle varie parlate, troviamo differenze quasi esclusivamente riguardanti la fonetica. Incontreremo allora, negli aspetti differenziali metafonie, elisioni, cadute di lettere, flessioni fonetiche e accentazioni.

La seguente frase, scritta con le regole della GVR, ci fa capire due cose importanti: 

  1. pur trattandosi di dialetti diversi la lingua sempre la stessa e 
  2. il canto dialettale della parlata chiaro nello scritto come nel parlato

 

vernacolo 
Domanda
Risposta
belumat 'ele 'nyiste kaxa le toxe?
Si, le ' rivade ankoi.
axoan xee venyeste kaxa e toxe? Si, e xe riva'e onk.
pavan xe'e  venyeste kaxa 'e toxe? Si, 'e xe iva'e ankuo.

NOTE: 

  1. la forma interrogativa completata dal pronome soggetto clitico presente in tutte le frasi, vedi 'ele, xee xe'e
  2. la radice lessicale la stessa in tutti i termini, vedi toxe, 'nyiste e ankoi ecc.
  3. la preposizione semplice a assente nel moto a luogo  come vuole la tradizione veneta, vedi 'nyiste _ kaxa ecc.

Basta poco per capire che la lingua la stessa, per questo motivo che un veronese capisce di primo acchito un triestino, e viceversa.

Torna su

Caduta di consonanti e elle evanescente

Se vogliamo dunque evidenziare la provenienza geografica del dialetto, come intendono fare i compilatori della GVR, necessario usare correttamente gli accenti nonch completare le parole con tutti i caratteri grafici, specialmente col simbolo che, per sua natura, pu indurre in confusione il lettore o, quantomeno, dare al lettore l'impressione che lo scrivente stia improvvisandosi uno scrittore in lingua veneta.  Ecco alcuni esempi:

esempio che sarebbe italiano
baea baa palla e sbronza
toea ta tavola
kavaeo kavao cavallo
muear muar muggire
aea aa ala e alla
sae sae sale e sanno loro (femm.)
pegoea pgoa pece

E' tipico dei parlanti pavani (Cemtro-Sud Veneto), per esempio, scrivere sostituendo la semiconsonante con la vocale e quando tra le due lettere esiste una somiglianza fonetica.  

Ma altrettanto importante, come vedremo nel prossimo esempio, scrivere le parole con i simboli giusti  per evitare i doppi sensi e, soprattutto, per comprendere la provenienza geografica dello scrivente.

Ecco alcuni esempi di parole scritte da chi si improvvisa scrittore in lingua veneta e da chi scrive in veneto usando la grafia italiana o goldoniana:

 

Parola vaga 
Interpretazioni possibili
Traduzione in italiano delle interpretazioni
sae sae o save? sale o so (v. sapere)
vae vae o vade? vale o vado
bee bee o beve? belle o beve 
mie mie o mie? mille o mie
ae ae o ave? ali o ape
mue mue o mude? mule o mute
gaete gaete, gaete o gavete? bozzoli, gallette o gavette
moe moe (ven: suste) o move molle o muove
moete moete o mete o mvete? mollette o mollati o muoviti
poe pe o poe (pode)? ricacci o pu?
kae kae o kade? calle o conviene?
pedae pedae o pedade? pedale o calci 
simie  smie o smie? simile o scimmie
Ea  a o ea? la (art.) o lei
kueo kueo o kuo quello o culo
eo  o o eo? lo (art.) o lui
o o, g o '? lo (art.) o ho (avere)
moro moro o mro muoio o nero
bueo buo o bu'o (budo)? vanitoso o budello?
enyo enyo, vnyo o 'nyo? legno o vengo?

Torna su

IN PREPARAZIONE ...

Gli accenti

Rispettare la posizione e il valore fonetico degli accenti , per la lingua veneta, essenziale

Ci sono parole che, a parit di significato, variano da una parlata all'altra solamente per la posizione dell'accento, il caso, per esempio, delle seguenti parole:

     
ankuo (anko) anku oggi
     
     
     
     

L'omissione degli accenti oltre a costituire un errore ortografico pu, ovviamente, anche storpiare il significato o non far comprendere di che parlata si tratta. Un aspetto, quest'ultimo, al quale i compilatori della GVR tengono particolarmente.

Parola corretta senza accento 
Interpretazioni possibili
Traduzione in italiano delle interpretazioni
bigoi bgoi o bigi? spaghetti o arconcelli?
mi a so mi a s o mi a s (pav)? io so (sapere) o io sono?
vero vro o vero (pav) vero o vetro?
vera vera o vra (axo)? fede o vero?
oro ro o oro oro o orlo

 

Torna su

La lettera Z

Parola con grafia italiana 
fonemi possibili
Traduzione in italiano
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     


Precedente Su Successiva

 

GVR

 Home GVR Statistiche Contributi Servizi
Web registrato il 20/01/2006; aggiornato il 10/06/2011
Webmaster