Cerca nel sito Veneti Eventi

Home GVR Statistiche Contributi Servizi                              

Passa a GVR in Versione Ridotta (consigliato)

 

Introduzione Obiettivi GVR Ortografia Fonetica Morfo-sintassi Lessico Esercizi Letture Norme EXTRA

Argomenti di Esercizi

Vecio parlar ...
Una poesia dal Brasile
Una lettera dal Brasile
Una poesia dalla Sicilia
I va in MŔrika!
De Jerusalem celesti ...
De Babilonia civitate infernali
In sto amaro momento
L'incredibile ULSS
Tema: una gita (1954)

 
de Jakomin (Giacomin) da Verona 
 
Agli inizi del 2░ millennio in quasi tutto il Nord Italia si afferm˛ uno stile letterario denominato "letteratura franco-veneta" impiegato per testi poetici di tipo didattico e moraleggiante come quelli di Giacomin da Verona, Bonvesin de la Riva e Uguccione da Lodi. Questo stile letterario che era un misto di latino, lingua d'Oil e parlate volgari, veniva scritto con una grafia casualmente somigliante alla GVR. 
Ecco riportati in grafia originale di due opere di Giacomin da verona il "De Jerusalem celesti" e il "De Babilonia civitate infernali".
 
 
 
 
Ancora ve dir˛ ke diso la scritura
K'entro quella citÓ no luso sol nÚ luna,
mai lo volto de Deo e l'alta Soa figura
lÓ resplendo tanto ke lý non Ŕ mesura.

 

Troviamo subito il primo carattere in comune con il GVR: il K.

La claritÓ Ŕ tanta k'elo reten en si,
ke noito no ge ven, mo sempro ge sta dý:
nÚ nuvolo nÚ nebla, segundo ke fa qui,
zamai no p˛ oscurar la claritÓ de lý.

 

Oltre al K ripetuto  ecco apparire il G guturale davanti alla voc. E come il tedesco ed il veneto GVR.

Le aque e le fontane ke cˇr per la citÓ
plu Ŕ belle d'aršent e ke n'Ŕ or colÓ:
per fermo lab´ai: quelor ke ne bevrÓ
šamai no Ó morir, nÚ seo plui no avrÓ.

 

.E ora la ă (Zh) con suono alveo-dentale  sordo, quasi come l'interdentale Th, o forse con lo stesso valore fonetico.

Non Ŕ escluso che possa trattarsi anche dell'interdentale Dh (ardhient e dhamai).

Ancora: per mešo un bel flumo ge cˇr,
lo qual Ŕ circundao de molto gran verdor,
d'albori e de šigi e d'altre belle flor,
de rose e de v´ole, ke rendo grando odor.

 

Qua la ă sembra proprio che abbia il suono dell'interdentale sonora Dh: per mešo = par mŕdho (ita: in mezzo).

Appare anche la G con la vocale >i< che prende il suono gutturale.

Clare Ŕ le soe unde plui de lo sol lucento,
menando margarite [e]d or fin ed aršento,
e prŰe prec´ose sempromai tuto 'l tempo,
someiente a stelle k'Ŕ poste ŕl fermamento.

 

Ed ora la elle apostrofata anteriormente (’l) per segnalare una vocale caduta.

De le quale šascauna sý Ó tanta vert¨
k'ele fa retornar l'om veclo en šovent¨,
e l'omo k'Ŕ mil'agnoi ŕl monumento šas¨
a lo so tocamento viv e san leva su.

 

Ora torna ad essere in certo che la ă suoni come Dh.

Ancora: li fruiti de li albori e de li prai
li quali da pe' del flumo per la riva Ŕ plantai,
a lo so gustamento se sana li amalai;
e plu Ŕ dulši ke mel nÚ altra consa mai.

 

Mentre qua la ă sembra assumere il valore dell'interdentale sorda Th

D'oro e d'ar´ento Ŕ le foie e li fusti
de li albori ke porta quÝsti sý dulši fruiti,
fioriscando en l'ano doxo vexende tuti,
nÚ mai no perdo foia nÚ no deventa suši.

 

ăascaun per si Ŕ tanto redolento
ke millo meia e plu lo so odor se sento,
dondo la citÓ, tuta, de fora e dentro,
par che s´a plena de cendamo e de mento.

 

 
Kalandrie e risignoli et altri begi oxegi
šorno e noito canta sovra quigi arborselli,
fašando lý versi plu prec´osi e begi
ke no fa v´ole, rote nÚ celamelli.

 

ka

 

Las¨ Ŕ sempro virdi li broli e li veršer
en li quali se deporta li sancti cavaler,
li quali no Ó mai cura nÚ lagno nÚ penser
se no de benedir lo Creator del cel;

 

 
lo qualo Ŕ 'n mešo lor, sý se' su un tron reondo,
e li angeli e li santi tuti Ge sta de longo,
laudando dý e noto lo So amirabel nomo
per lo qual se sosten la gent en questo mondo. [...]

 

AdŔsso il "ge" di queste parole sembra assumere valore palatale dolce, ma non Ŕ escluso che in quel tempo si pronunciassero col "ge" gutturale ma úora 

Lý fa tante alegreše queste šente b´ae
de canti e de favele, le quale e' v'˛ cuitae,
k'el par ke tuto 'l celo e l'aere e le contrae
sia plene de strumenti cun vox melod´ae.

 

ke e di nuovo 'l 

KÚ le soe boche mai per nexun tempo cessa
de laudar la sancta TrinitÓ, vera maiesta,
cantando šascaun ad alta vox de testa:
"Sanctus Sanctus Sanctus", fašando grande festa.

 

 

De Babilonia civitate infernali nella pagina seguente

 

Precedente Su Successiva

 

GVR

 Home GVR Statistiche Contributi Servizi
Web registrato il 20/01/2006; aggiornato il 10/06/2011
Webmaster